MATRIMONIO a TEMA: facciamo chiarezza!

null

MATRIMONIO a TEMA: facciamo chiarezza!

“Belle è figlia di un eccentrico inventore, Maurice, e lei stessa sebbene considerata da tutti la ragazza più bella del villaggio, viene ritenuta un po’ eccentrica e dunque lasciata in disparte.

Stanca della monotonia della vita in paese, cerca conforto nella lettura di libri di avventura, storie di creature magiche, in luoghi fantastici con principi e draghi.

Arriva il giorno in cui Gaston, un ragazzotto forte e da tutti per questo ammirato, la sceglie come sposa, ma lei rifiuta perché non vuole passare la vita con una persona arrogante e presuntuosa; lui però non demorde.

Un giorno Maurice viene rapito dalla Bestia; Belle decide di offrire sé stessa alla creatura in cambio del vecchio padre perché possa tornare a casa.

Col passare dei giorni la ragazza fa amicizia con i personaggi che vivono nel castello della Bestia e riesce anche a migliorare gli atteggiamenti bruschi e schivi della creatura.

Belle viene a sapere, consultando uno specchio magico, che il padre è malato e chiede alla Bestia di andare a trovarlo; quando arriva però scopre che in realtà Gaston vuole farlo richiudere in manicomio, a meno che lei non accetti di sposarlo.

Disposta a tutto, Belle è costretta a svelare l’esistenza della Bestia; Gaston organizza subito una folla di persone per andare ad ucciderla.

Proprio mentre Gaston sta per sferrare il colpo di grazia alla Bestia, compare Belle; vedendola la creatura si ribella ma viene comunque gravemente ferita.

Mentre sta per morire, Belle le rivela il suo amore ed ecco che la bestia si trasforma in un principe; i due ragazzi si sposano coronando così i loro sogni”

Se anche tu sei ammaliata dalle fiabe che hanno sempre un profondo significato potresti amare l’idea di un matrimonio a tema… Ovviamente il matrimonio a tema non nasce necessariamente da una storia ma è tanto per farti un esempio!

Chiariamo prima di tutto un concetto: un TEMA del MATRIMONIO non corrisponde una FESTA a TEMA e questo è il primo equivoco che tante coppie fanno. Quindi cerchiamo di mettere in chiaro cosa caratterizza l’uno e l’altra!

Nelle feste c’è una scenografia e i partecipanti sono invitati a vestirsi in tema con la festa stessa: ad esempio, per una festa a tema “La bella e la bestia” ci saranno invitati vestiti come Belle, Gaston, Lumiere e così via e qualche elemento di scenografia che ci faccia pensare di stare in un castello!

Ma mentre ad una festa a tema invito solo gli amici, che più o meno saranno tutti felici di mascherarsi, ad un matrimonio ci sono invitati di età molto diverse, appartenenti a mondi diversi e che, molto spesso, neanche si conoscono per cui si parte da un presupposto totalmente diverso.

Per cui, se scegli come tema del tuo matrimonio la favola di “la bella e la bestia”,  i tuoi invitati, ovviamente, non saranno costretti a vestirsi  in maschera, ci mancherebbe altro! Ma il matrimonio potrebbe invece avere queste caratteristiche:

  • Candelabri Lumiere Un allestimento della sala del ricevimento con tanti candelabri (Lumiere) che illuminano i tavoli e, non solo quelli degli invitati, ma anche il tavolo dei dolci e della confettata e quello delle bomboniere…
  • Teiere Mrs. Bric saranno un altro elemento decorativo importante e, visto che ne esistono di tantissime fogge, materiali e stili, sarà piacevole sceglierne un numero pari al numero dei tavoli del ricevimento tutte diverse ma legate da un filo conduttore: ad esempio tutte teiere in porcellana fine con decori floreali, o tutte teiere in sheffield e così via.
  • PendoloTockins un orologio a pendolo potrà decorare l’entrata della sala, se abbastanza grande, oppure essere in bella vista su una consolle, se più basso. Contribuirà a rendere elegante la sala e a richiamare il tuo tema di nozze!

 Anche il per il tableau de mariage ci si potrà sbizzarrire con la fantasia giocando con i nomi dei personaggi, magari aggiungendo una piccola descrizione del loro ruolo nella “Bella e la Bestia” oppure con alcune delle frasi più romantiche della storia

  • Belle: “Qualcosa in lui si trasformò, era sgarbato, un po’ volgare, ora no, è timido, piacevole, non mi ero accorta che ora è incantevole”
  • Bric: Dopo tutto questo tempo ha finalmente imparato ad amare

 Per le partecipazioni di nozze, un’idea potrebbe essere quella di prendere un particolare discreto, non vuoi che il tuo matrimonio si trasformi in uno show, come un piccolo candelabro o una elegante teiera declinandoli in una versione stilizzata, unendo le vostre iniziali e “firmando” con questo piccolo stemma tutti i coordinati cartacei che serviranno per il matrimonio: inviti, libretti della messa, segnaposto e segnatavolo, biglietti bomboniera, segnagusto per la confettata e così via…

Tieni presente che lo STILE del MATRIMONIO non sarà dettato dal tema!

Il secondo equivoco sul tema del matrimonio, che è legato al primo, è che un MATRIMONIO a TEMA è un matrimonio meno elegante! Non è assolutamente così, o meglio, potrebbe esserlo ma non è detto come per tutti gli altri matrimoni.

Il matrimonio a tema, infatti, può declinarsi in tantissime soluzioni e stili diversi in base a quello che tu, sposa, vuoi realizzare…

Infatti il matrimonio a tema, come tutti gli altri, voglio ribadirlo a costo di essere noiosa è un matrimonio che, come tutti gli altri, può essere elegante, rustico, shabby, luxury, ecologico, boho-chic ecc. ecc. solo per come gli elementi decorativi vengono scelti, solo per l’uso dei colori o, meglio, delle nuance di colore e così via!

Sono spesso i genitori, ed in particolare le mamme, che si oppongono al matrimonio a tema convinte come sono che non sarà abbastanza elegante, che i festeggiamenti diventeranno pacchiani, che gli invitati potrebbero non rimanere abbastanza abbagliati e fare critiche. Insomma le mamme, è un po’ il loro lavoro, sono preoccupate dei figli, in particolare nel matrimonio sono preoccupate per le figlie, e tendono a cercare di ridurre tutti i possibili margini di errori nelle loro scelte.

Se tu vuoi realizzare il tuo matrimonio a tema, non metterti a fare una guerra con tua mamma, ma cerca di spiegarle, magari facendole vedere qualche foto, di quanto è possibile realizzare a partire da un filo conduttore che tu senti particolarmente affine e che i risultati possono essere, affidandosi a persone esperte, spettacolari!

Inoltre usare un tema del matrimonio serve a renderlo veramente unico e a fissarlo nella memoria dei tuoi invitati in modo inequivocabile: il leit-motiv che parte dal momento del ricevimento della partecipazione e finisce, senza soluzione di continuità, con la consegna della bomboniera di nozze a fine ricevimento, crea una continuità dell’evento segnata da tanti piccoli e grandi particolari sempre coerenti e che “parlano” uno con l’altro e segna quell’evento in modo indelebile.

Non sarà possibile confonderlo con nessun altro matrimonio!

Ecco alcuni piccoli consigli per te se vuoi realizzare un matrimonio a tema:

  • -Scegli un SOLO tema. Mescolarne più di uno rischia di far diventare il tuo matrimonio un pasticcio incomprensibile per gli ospiti! Il tema è bello proprio perché facilmente riconoscibile, con diversi segnali decorativi, da tutti o da quasi tutti.
  • -I DETTAGLI devono essere coerenti su tutti gli elementi decorativi per dare i risultati desiderati: ossia perché il tema sia visibile e apprezzabile.
  • -Non farti prendere dall’entusiasmo cominciando a comprare “a casaccio” a destra e manca! Prima di fare acquisti bisogna fare un progetto completo, decidere i vari particolari e le linee guida del matrimonio, stabilire le nuance di colore! Lo so che comperare ti piace, piace anche a me, soprattutto le cose “carine” e assolutamente inutili, ma rischi senza un piano di spendere soldi inutilmente.

Se non vuoi fare tutto da sola ma preferisci avere qualcuno che ti guidi e metta in ordine che guazzabuglio di idee che hai in testa, chiamami ora! Sarò felice di ascoltarti …

♥ Carolina

telefono/messaggi whatapp 347 4600184

mail  info@risoeraso.it

La ROSA che da sempre è simbolo dell’AMORE è un altro simbolo importante in questa storia infatti la fata travestita da mendicante offrì al giovane principe una rosa in cambio di un riparo per la notte.

Quando lui la allontanò maleducatamente per la sua bruttezza lei lo punì trasformandolo in un’orrenda bestia, dandogli una rosa, che sarebbe rimasta fiorita fino al suo ventunesimo compleanno.

Se la foresta è il luogo in cui perdersi la rosa rappresenta la fioritura in cui ritrovarsi.

Belle chiede, a sua volta, al padre una rosa, che apparentemente è il dono più semplice che si possa offrire; in realtà talmente elevato e complesso che richiederà alla protagonista un difficile cammino introspettivo.

/ cerimonie, realizzazioni / Tags: , ,

Condividi il Post

Commenti

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *